Seleziona una pagina

La prima casa per le giovani coppie

Potrà essere di aiuto a molte giovani coppie l’iniziativa voluta dal Comune di Sarnico per facilitarle nell’acquisto della prima casa.

Molte coppie di ragazzi che rispondono a una serie di requisiti potranno infatti partecipare ad un bando per l’acquisto di un’abitazione a prezzi contenuti rispetto a quelli, piuttosto elevati, del mercato immobiliare nella cittadina di Sarnico.

Se infatti il costo di una casa in una zona residenziale sarnicese si aggira normalmente attorno a 2.300 Euro al metro quadro, gli appartamenti che verranno realizzati grazie all’iniziativa del Comune potranno essere acquistati attorno ai 1.400 Euro al metro quadro, con un risparmio per le giovani coppie di circa 100.000 Euro su un appartamento di 90 metri quadrati netti oltre al box doppio e cantina.Il risparmio è dovuto interamente alla scelta dell’Amministrazione Comunale di rinunciare all’incidenza del valore sull’area e all’incidenza sia sugli oneri di costruzione sia su quelli di urbanizzazione e della trattativa con la cooperativa che curerà la realizzazione delle abitazioni.”Si tratta di un progetto che mi sta molto a cuore- ha sottolineato il primo cittadino Franco Dometti- e che ho in mente già dal primo periodo della mia elezione a Sindaco.

L’iter per arrivare alla realizzazione di questo progetto non è stato dei più semplici o dei più brevi. Ma ne è valsa la pena perché darà la possibilità ai nostri giovani di acquistare a prezzi contenuti la loro abitazione e di rimanere nella propria cittadina.

Purtroppo il mercato immobiliare non aiuta le giovani famiglie: i prezzi delle abitazioni sono troppo alti per chi si accinge a costruirsi una famiglia e con ogni probabilità non ha ancora raggiunto una stabilità economica.
Ecco perché l’intervento dell’Amministrazione Comunale. Il nostro impegno è stato quello di far sì che la stessa somma o poco più di quello che oggi molte coppie pagano per l’affitto in un anno possa trasformarsi in rate di un mutuo che permetta di avere la proprietà dell’abitazione”.

Nonostante il prezzo davvero competitivo, gli appartamenti dedicati alle giovani coppie non avranno nulla da invidiare a quelli normalmente sul mercato comprese le nuove tecnologie per il risparmio energetico, il riscaldamento a pavimento e quanto di più innovativo il mercato offra.

Le prime due iniziative immobiliari sorgeranno su due zone centrali alla cittadina sul Sebino: otto appartamenti saranno costruiti in Via Cerro (nella foto) e i restanti 12 invece in Via Cortivo. Inoltre le metrature saranno di tutto rispetto. Le nuove abitazioni si aggireranno infatti sui 90 metri quadri di superficie utile: saranno tutte dotate di 3 camere da letto, soggiorno e cucina e servizi e locali accessori costituiti da box doppi e cantina e, in alcuni casi, avranno la possibilità di avere o la vista lago oppure il giardino.

Per quanto riguarda la parte burocratica dell’iniziativa, lo scorso 24 Novembre è scaduto il bando rivolto a tutte le cooperative edilizie interessate ad acquistare le due aree sulle quali sorgeranno questi appartamenti: la cooperativa che si è aggiudicata il bando è la cooperativa edilizia Achille Grandi di Bergamo.

Ora bisognerà aspettare il 15 Dicembre per l’apertura del bando per l’assegnazione delle abitazioni alle giovani coppie.I requisiti per poter accedere al bando sono diversi: i componenti della giovane famiglia devono essere coniugati o conviventi da meno di dieci anni alla data del 31 dicembre 2010 e non devono essere titolari di diritto reale di altro alloggio nel comune di Sarnico o in altro comune.Inoltre almeno uno dei due membri deve avere la residenza a Sarnico da almeno dieci anni o, in alternativa, uno dei due componenti deve avere avuto la residenza nel Comune di Sarnico per almeno vent’anni.

Il reddito ISE della famiglia non deve superare inoltre i 40.000,00 Euro.C’è una condizione che riguarda anche l’età dei richiedenti: l’età massima di ciascun coniuge e/o convivente non deve superare i quarant’anni alla data del 3 dicembre 2010. Tutte le informazioni potranno essere richieste all’Ufficio Tecnico Comunale settore lavori pubblici.

[ Fonte: Bergamonews.it ]

La Regione Lombardia aiuta le fasce più deboli

Potranno beneficiare del bando solamente le fasce deboli della popolazione presentando domanda dal 1°dicembre.

Regione Lombardia ha deciso di aiutare le fasce deboli della popolazione attraverso l’erogazione di nuovi contributi per l’acquisto o la ristrutturazione della prima casa. In una nota, infatti, la Regione spiega che l’importo, erogato a fondo perduto una tantum, potrà arrivare fino a 8.000 euro (gli anni passati era stato di 5/6 mila euro). Inoltre, è prevista l’erogazione di un bonus aggiuntivo di 1.000 o 2.000 euro se l’edificio acquistato è in classe energetica B o A. A disposizione ci sono 10 milioni di euro.

Categorie ammesse
Il contributo potrà essere richiesto dalle giovani coppie (coloro cioè che si sono sposati o si sposeranno nel periodo compreso fra l’1 luglio 2009 e il 30 giugno 2011 e i cui componenti non abbiano compiuto 40 anni alla data di presentazione della domanda); dalle gestanti sole (ossia le donne in attesa del primo figlio, nubili o prive del coniuge per separazione legale, senza convivenza, per divorzio o decesso); dai genitori soli con uno o più figli minori a carico (padre o madre con uno o più figli minori a carico, che sia celibe o nubile o privo del coniuge per separazione legale, senza convivenza, per divorzio o decesso. Non rientrano in questa categoria le unioni di fatto); dai nuclei familiari con almeno tre figli a carico.

Entità del contributo
Dei 10 milioni disponibili, 8 saranno riservati alle giovani coppie e 2 a tutte le altre categorie. L’entità del singolo contributo è di 5.000 euro per alloggi di valore compreso fra 25.000 e 100.000 euro; di 5.500 euro per alloggi di valore fino a 200.000 euro e di 6.000 euro per alloggi che hanno un costo fino a 280.000 euro. Il nuovo bando introduce un contributo aggiuntivo per chi acquista alloggi ad alta efficienza energetica, pari a 1.000 euro per appartamenti in classe B, che diventano 2.000 per la classe A.

Requisiti
Coloro che richiederanno il contributo dovranno presentare un reddito Isee (dunque non lordo) non superiore a 35.000 euro; dovranno acquistare un alloggio di prezzo non inferiore a 25.000 euro e non superiore a 280.000 euro. Queste cifre sono le stesse entro le quali deve essere contenuto il mutuo eventualmente chiesto per l’acquisto della prima casa che, comunque, deve avere durata non inferiore a 5 anni.

Presentare le domande
Il provvedimento col quale sarà indetto il bando è in fase di approvazione e sarà pubblicato nei prossimi giorni sul sito: www.casa.regione.lombardia.it. Si prevede che le domande possano essere presentate (esclusivamente presso i Centri di assistenza fiscale autorizzati, Caaf) dall’1 dicembre 2010 fino al 31 gennaio 2011, mentre per il perfezionamento dei requisiti ci sarà tempo fino al 30 giugno.

[ Fonte: Casa&Clima.com ]