Seleziona una pagina

Domotica per disabili e anziani

L’obiettivo è quello di inserire la domotica all’interno del Piano di azione per la disabilità in modo da contribuire a garantire a disabili e anziani una vita il più possibile autonoma e fra gli affetti familiari.

La domotica non è solo ‘uno strumento scenografico per case di lusso’, ma anche un valido supporto di uso sociale. Meccanismi di apertura automatica delle porte o per abbassare i pensili della cucina a un’altezza accessibile e comandi centralizzati per le luci (azionabili anche da remoto e via sms) sono solo alcuni esempi degli strumenti che possono essere introdotti in residenze appositamente attrezzate che garantiscono ancheelevati standard di sicurezza.


Un vero e proprio cambiamento culturale. La predisposizione e l’installazione di strumenti domotici nelle case al momento della loro costruzione consentirebbe infatti un notevole risparmio al momento rispetto a una installazione successiva.


[ Fonte: Mondocasablog.com ]

Como “CasaClima 2012”

Salone dedicato all’efficienza energetica e alla bio-sostenibilità in edilizia.


Dal 24 al 26 febbraio 2012 si svolgerà, nel Polo espositivo di Villa Erba a Cernobbio (CO), la seconda edizione di Como CasaClima, il salone specializzato dedicato al risparmio energetico e alla bioedilizia. Anche la seconda edizione potrà contare sulla collaborazione e l’appoggio dell’Agenzia CasaClima di Bolzano e sulla partecipazione attiva di Ance Como e degli Ordini degli Architetti e degli Ingegneri di Como.

Convegni e workshop. Per tre giorni Villa Erba farà da cornice a esposizioni, convegni, workshop e dimostrazioni pratiche sui temi dell’edilizia ecocompatibile e del risparmio energetico. Obiettivo: sviluppare e far radicare nel territorio la cultura del risparmio energetico e dell’edilizia verde, che forse è ancora poco conosciuta ma sta diventando un percorso obbligato ormai per tutti.

Per ampliare e rendere ancora più efficace l’opera di sensibilizzazione sul risparmio energetico, in questa edizione di Como CasaClima sarà dato un ulteriore impulso ai convegni e, soprattutto, alle dimostrazioni e applicazioni pratiche che saranno focalizzate sulle tecniche edilizie innovative, illustrate grazie al supporto di professionisti del settore.

Circa un centinaio gli espositori che gli organizzatori si attendono per questa seconda edizione, che sarà rivolta sia agli operatori del settore (architetti, ingegneri, geometri, imprese di costruzioni, rivenditori edili, imprese d´installazione) sia a Enti e Istituzioni pubbliche (università, enti locali), sia ai visitatori privati.

[ Fonte: www.casaeclima.com ]

Nuovo sistema di regolazione temperatura edifici


ll sistema messo a punto dalla Nottingham Trent University utilizza un trasferitore di calore conduttivo tra il suolo e l’involucro dell’abitazione.
Un sistema efficiente in grado di regolare la temperatura all’interno degli edifici anche in condizioni climatiche estreme, senza grossi dispendi energetici.
E’ quanto promette il nuovo impianto elaborato dai ricercatori della Nottingham Trent University, nel Regno Unito.
Efficiente e a basso consumo energetico.
“Rispetto agli apparecchi di condizionamento e riscaldamento tradizionali, il nuovo impianto comporterà una drastica riduzione dei consumi, lavorando anche in caso di temperature molto calde o al contrario sotto lo zero”, assicurano gli scienziati che hanno lavorato al progetto, i quali aggiungono: “l’impianto potrà essere installato sia in edifici nuovi che in strutture già esistenti”.
Inventore del sistema, lo studioso di nuove tecnologie Amin Al-Habaibeh rende noti i ragionamenti a monte del progetto: “le soluzioni attuali di riscaldamento/ raffreddamento degli edifici risultano spesso complesse, fortemente energivore e bisognose di manutenzione significativa”. Da cui l’idea di un sistema che potesse ovviare a queste problematiche.
Il calore del suolo.
Il nuovo metodo sfrutta la consistenza della temperatura del suolo. L’idea alla base del sistema è quella di utilizzare uno speciale trasferitore di calore conduttivo tra il suolo e l’involucro dell’edificio: il calore verrà spostato dall’edificio al terreno durante l’estate, mentre in inverno seguirà il processo inverso, risalendo dalla terra all’interno dell’edificio. A detta di Amin Al-Habaibeh, si tratta di “una modalità decisamente più sostenibile per regolare la temperatura delle costruzioni”.
Presto sul mercato.
Attualmente in fase di perfezionamento, il sistema ha già attirato le attenzioni di molte imprese del settore condizionamento; al momento, l’équipe di ricercatori è infatti in trattativa con una serie di aziende inglesi interessate a sviluppare la tecnologia e commercializzarla, esportandola presto Oltremanica.

Il premio sostenibilità che incoraggia i comuni

Al via un concorso dedicato alle municipalità italiane più virtuosi ed efficienti.
Si tratta di A+CoM, un’iniziativa nata dalla collaborazione tra il Clima Italia e Kyoto Club.Il Premio è stato lanciato nell’ambito del progetto europeo del Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors), il piano comunitario che punta a ridurre l’inquinamento del 20% entro il 2020.

I 4 migliori Paes nazionali.
In questo scenario, Clima Italia e Kyoto Club si riservano di selezionare ogni anno i quattro migliori Paes (Piano di Azione Energia Sostenibile) elaborati e deliberati, nei 12 mesi precedenti, nell’ambito del Patto dei Sindaci. La premiazione avverrà a Firenze, in occasione di Terrafutura, Mostra Convegno Internazionale delle buone pratiche di sostenibilità.

Italia, 1.600 Comuni per il Patto dei Sindaci.
Una buona notizia per le amministrazioni nazionali: fin da subito, in Italia l’iniziativa Covenant of Mayors ha riscosso un grande successo, con oltre 1.600 Comuni già impegnati a presentare, entro un anno, un Piano di Azione Energia Sostenibile.

Per partecipare.
Tempo fino al 9 marzo 2012 per presentare domanda di partecipazione.Tra i requisiti richiesti per essere ammessi alle prime selezioni, i Comuni partecipanti dovranno includere nell’elaborazione dei loro Paes una serie di azioni concrete nel settore municipale, residenziale, del terziario e del trasporto, considerati settori di intervento fondamentali nella riduzione dei livelli di CO2. Il Piano, specifica il regolamento, dovrà comprendere, infine, interventi concreti in almeno tre degli altri ambiti: produzione locale di energia, pianificazione territoriale, acquisti pubblici, coinvolgimento della cittadinanza e del settore produttivo.

Informazioni: www.climatealliance.it

[ Fonte: www.casaeclima.com ]