Seleziona una pagina
Poco lontana dal centro della città di Verona è stata realizzata dall’architetto e designer Michele Perlini una villa che ha ottenuto la certificazione di CasaClima in classe A a 24 Kwh/m2a
Una delle caratteristiche principali del progetto è il senso di astrazione spaziale ottenuto dalla realizzazione di un basamento che solleva il solaio di calpestio dal contatto diretto con il suolo
L’abitazione è stata completata in poco più di un anno (luglio 2011 – agosto 2012) grazie all’uso di un telaio prefabbricato costituito da otto pilastri perimetrali in acciaio a doppia T che sorreggono il solaio Predalles attraverso delle travi di bordo sulle quali è posata la struttura prefabbricata in legno. Il materiale ligneo impedisce la formazione dell’umidità di risalita e tutela la stabilità antisismica all’intera struttura. L’abitazione veronese che ha ottenuto la certificazione CasaClima classe A presenta un disegno in pianta con un unico taglio netto che separa la zona dei servizi a nord dalla zona giorno e dalla zona notte poste a sud. In prospetto tale suddivisione si traduce in ampie vetrate che si affacciano sul paesaggio in direzione sud e da aperture verticali più piccole a nord attenuando, così, la dispersione termica proveniente dalla facciata meridionale. 
L’isolamento del solaio del piano terra è composto da uno strato in fibre di legno e da un altro in xps (pannello in polistirene estruso) assicurando il comfort termico e acustico degli impianti. La copertura ventilata, ottenuta attraverso un sistema di griglie, è anch’essa isolata tramite uno strato di fibre di legno di 22cm. Un ulteriore strato di fibre in legno di 20 cm, invece, è stato utilizzato per l’isolamento degli elementi verticali che, al loro interno, contengono pannelli in fibrogesso a chiusura del vano porta impianti. Nel periodo invernale la climatizzazione attiva è affidata a pannelli a pavimento alimentati da una caldaia a condensazione, mentre nel periodo estivo il raffrescamento avviene per mezzo della ventilazione meccanica controllata. È stata predisposta, inoltre, la possibilità di installare un impianto fotovoltaico in copertura per alimentare la cucina senza costi aggiuntivi e per integrare l’impianto di raffrescamento. 
L’aspetto della sostenibilità è stato curato anche nei particolari degli interni che, oltre ad avere una grande valenza estetica, sono stati concepiti in modo da assicurare la massima luminosità naturale riducendo, così, i consumi elettrici. Lo stesso progettista si ritiene soddisfatto non solo per l’efficienza energetica certificata da Casaclima, ma anche per i risultati raggiunti dal punto di vista formale: un’abitazione funzionale che non nasconde i forti richiami alle forme del movimento moderno e al contempo arricchita da caratteristiche tecnologiche contemporanee, senza trascurare i dettagli di design che la rendono un prodotto unico ed esclusivo.