Seleziona una pagina

La Visura Catastale è un certificato che attesta i dati tecnici e fiscali di un fabbricato o di un terreno intestati ad una determinata persona fisica o giuridica.

Questo tipo di documentazione è generalmente richiesta per  atti di compravendita, denuncia di successione o dichiarazione dei redditi.

Le informazioni catastali, a eccezione della consultazione delle planimetrie catastali che è riservata esclusivamente agli aventi diritto sull’immobile o ai loro delegati, sono pubbliche e dunque l’accesso è consentito a tutti.

Come ottenere una Visura Catastale.

La Visura Catastale viene rilasciata a seguito di una ricerca all’interno dell’archivio catastale, che può essere fatta conoscendo:

  • Immobile: solamente fornendo i dati identificativi che il Catasto ha in precedenza assegnato all’immobile.
  • Soggetto: se si conosce i dati della persona fisica o azienda è sufficiente fornire i dati anagrafici del proprietario dell’immobile.
  • Indirizzo: è possibile effettuare la ricerca anche solo se si conosce l’indirizzo o è possibile identificarlo sulla mappa

Che informazioni contiene la Visura Catastale?

Le informazioni principali presenti in un Visura Catastale si suddividono in: dati identificativi, dati di classamento, dati dell’intestatario e dal 9 Novembre 2015 anche i metri quadri complessivi e i metri quadri complessivi escluse le aree scoperte come balconi e terrazzi da utilizzare come parametro di calcolo per la TARI (Tassa Rifiuti).

I dati identificativi sono quelli che individuano ogni singola unità immobiliare perché non possono esistere due unità immobiliari con gli stessi dati catastali.

I dati identificativi dell’immobile sono:

  • Sezione Urbana, un dato non sempre indicato, rappresentato con una lettera dell’alfabeto scritta in maiuscolo o una sigla che individua una zona del territorio comunale, ad esempio un quartiere.
  • Foglio, una macro area del territorio, in cui è suddivisa l’intera area comunale.
  • Particella, una porzione di terreno edificato che presenta delle caratteristiche ben precise e individua un determinato fabbricato.
  • Subalterno, individua invece con precisione la singola unità immobiliare.

Fanno invece parte dei dati di classamento quei dati che nello specifico permettono il calcolo della rendita catastale:

  • la Zona Censuaria, una porzione di territorio comunale che accomuna tutti i fabbricati con la stessa redditività.
  • la Categoria, riguarda la tipologia dell’immobile, ovvero la sua destinazione. Viene rappresentata utilizzando alcune lettere dell’alfabeto.

Le abitazioni sono indicate con la lettera A seguita da un numero che determina la caratteristica tipologica del bene, quindi A1, abitazioni  di tipo signorile, A2 di tipo civile, A3 di tipo economico, A4 di tipo popolare, A5 ultrapopolare, A6 rurale, A7 villino, A9 castelli o palazzi con pregi artistici, A10 uffici, A11 abitazioni tipiche dei luoghi; con la sigla C2 sono indicati cantine e depositi e con C6 autorimesse e box auto.

  • la Classe, il valore che descrive il pregio e la qualità del bene ed è indicata con numeri sempre maggiori in funzione della redditività.
  • la Consistenza, indica la dimensione dell’immobile, espressa sia in vani che in metri quadrati, come nel caso di immobili residenziali; altre volte in metri quadrati, nel caso di box, negozi o cantine.
  • la Rendita, la rappresentazione del valore fiscale e viene calcolata tramite il prodotto di elementi quali consistenza, tariffa estimo, zona censuaria, categoria e classe.

La visura, quindi, disegna in modo dettagliato tutte le caratteristiche tecniche e fiscali dell’immobile d’interesse.

Differenza tra la Visura Catastale Semplice e quella Storica.

Con la Visura Catastale Semplice i dati dell’immobile sono riferiti all’attualità, mentre con la Visura Catastale Storica si ottengono tutti i cambiamenti relativi all’immobile, elencati in ordine cronologico, a partire dall’anno 1987, nel quale si è attivato il Catasto meccanizzato, ovvero l’inserimento digitale dei dati.

Su Catastosemplice.it potrai ottenere la Visura Catastale Storica allo stesso prezzo della Visura Catastale Semplice.

Come richiedere una Visura Catastale online.

Esistono tanti modi per richiedere la Visura Catastale. Ad esempio presso gli sportelli o il sito web dell’Agenzia delle Entrate, il Comune di residenza, alle Poste Italiane o nei centri CAF. Ma l’unico modo per evitare complicazioni, lunghe file di persone in coda e per risparmiare tempo e soprattutto soldi è con Catastosemplice.it