Seleziona una pagina

La Rendita Catastale è il reddito che Agenzia delle Entrate attribuisce a ogni singolo bene immobile, fabbricato e terreno, in grado di produrre o generare, appunto, un reddito.

Al Catasto Fabbricati la Rendita Catastale è collegata alla singola unità immobiliare. Fanno eccezione gli immobili a destinazione particolare (stazioni, ponti, chiese, cimiteri, etc.) e gli immobili a destinazione speciale (industriali e commerciali a cui viene attribuita una Rendita Catastale con modalità diverse).

Al Catasto Terreni la Rendita Catastale è collegata alla particella catastale ovvero il terreno, ed è distinta in: Reddito Dominicale che viene attribuito al proprietario e Reddito Agrario che viene attribuito all’attività agricola.

La Rendita Catastale rappresenta la base imponibile per il calcolo di alcune imposte sugli immobili e viene definita sulla base di due elementi, la consistenza dell’unità immobiliare e la tariffa d’estimo unitaria.

  • consistenza dell’unità immobiliare: è data dalla superficie dell’immobile, dal numero di vani e dalla sua volumetria
  • tariffa d’estimo unitaria: è un valore numerico relativo al Comune ed alla zona ove è ubicato il bene immobile. Varia sia in base alla suddivisione della zona che dalla categoria e classe catastale di appartenenza dell’unità immobiliare.

Le categorie catastali, con esclusione degli immobili a destinazione particolare e speciale, sono:

  • Categoria A (immobili a destinazione ordinaria)
  • Categoria B (immobili ad uso collettivo)
  • Categoria C (immobili commerciali e pertinenze)

 

COME SI OTTIENE LA RENDITA CATASTALE DI UN IMMOBILE?

La Rendita Catastale è sempre indicata sulla visura catastale e viene rilasciata a seguito di una ricerca all’interno dell’archivio catastale, che può essere fatta partendo da:

  • Immobile: solamente fornendo i dati identificativi che il Catasto ha in precedenza assegnato all’immobile.
  • Soggetto: se si conosce i dati della persona fisica o azienda è sufficiente fornire i dati anagrafici del proprietario dell’immobile.
  • Indirizzo: è possibile effettuare la ricerca anche solo se si conosce l’indirizzo o è possibile identificarlo sulla mappa

A COSA SERVE LA RENDITA CATASTALE?

Conoscere la Rendita Catastale è utile per:

  • calcolare il valore catastale;
  • calcolare varie tipologie di imposte;
  • stimare le spese a cui un immobile è soggetto;

La Rendita Catastale è indispensabile per il calcolo del Valore Catastale di un immobile, ovvero La base imponibile su cui applicare le aliquote d’imposta. Il valore dei beni immobili è determinato per via tabellare partendo dalla Rendita Catastale dell’anno in corso.

Principalmente, però, serve per calcolare le imposte relative alle tasse sulla casa ed è proprio per questo motivo che è necessario tenere aggiornati i valori, così da avere una rendita sempre corrispondente alla realtà. Le principali imposte collegate alla Rendita Catastale sono: imposte sulla casa (Imu e Tasi),  imposte sul reddito delle persone fisiche, imposte ipotecarie, imposte sulle successioni, imposte sulle donazioni e imposte utili alla compilazione del Modello ISEE.

Conoscere la Rendita Catastale di un immobile è utile sia al proprietario dell’abitazione sia ad un ipotetico acquirente che è interessato all’acquisto di un immobile e vuole sapere in anticipo le spese che dovrà sostenere.