Seleziona una pagina

La casa che pensa al futuro

Mostra ”La casa che pensa al futuro”, commento post evento

L’Associazione dei Costruttori Edili di Bergamo ha presentato il 4 ottobre u.s. ”La Casa che pensa al Futuro” costruita con le migliori tecnologie disponibili che garantiscono un miglioramento del comfort abitativo, una riduzione dei consumi degli edifici e un utilizzo sempre maggiore delle fonti energetiche rinnovabili (solare termico, fotovoltaico, geotermia).

La Casa che pensa al Futuro è un’abitazione intelligente che permette, grazie alla domotica, di aumentare l’efficienza di tutti gli apparecchi, gli impianti e i sistemi presenti e, soprattutto, di rispettare l’ambiente: produce energia dal sole e dal vento, è ben isolata dal caldo e dal freddo ed è costruita con materiali ecocompatibili. Senza contare i vantaggi economici per le bollette del gas e dell’elettricità!

Chi ha visitato la mostra ANCE Bergamo ha potuto avere una dimostrazione reale di ciò che si può fare per fronteggiare i cambiamenti climatici attraverso la riduzione dei consumi energetici a partire dalle pareti domestiche.

Organizzazione
ANCE Bergamo – Associazione Costruttore Edili
In collaborazione con
Scuola Edile di Bergamo

[ Fonte: Mondocasablog.com ]

Casa domotica e risparmio energetico

Un investimento tra i 1.500 e i 3.000 euro permette di convertire una casa normale in una casa domotica, grazie alle ultime tecnologie in fatto di sicurezza, comunicazioni e risparmio energetico.
In quattro anni la spesa viene ammortizzata grazie al risparmio e a partire dal quinto sono tutti vantaggi. Il risparmio energetico, per esempio, va dal 25 al 50% rispetto ad una casa normale.

Ad esempio un impianto elettrico intelligente può autoregolare l’accensione degli elettrodomestici per non superare la soglia che farebbe scattare il contatore. La connessione remota con la propria casa permette di avere sempre il controllo degli elettrodomestici, del riscaldamento o dell’allarme. si tratta di dispositivi utili soprattutto per chi passa molte ore fuori casa o per le seconde case.

A Madrid è stato aperto un centro dimostrativo per la casa digitale. In 150 metri allestiti come se si trattasse di un appartamento, vengono esposte tutte le tecnologie a disposizione per rendere la propria casa intelligente.
E’ possibile anche fare una visita virtuale ad alta definizione delle possibilità che offre il mercato.

[ Fonte: notizia tratta dal bollettino di Idealista.it ]