Seleziona una pagina

Investire nell’efficenza energetica quanto ci costa?

Pubblicato dalla Johnson Controls lo studio Energy Efficiency Indicator 2012 (EEI), che ha coinvolto a livello globale 3.500 proprietari e responsabili della gestione di uffici; 994 gli interpellati europei in nazioni quali Regno Unito, Francia e Germania. 
Dalla ricerca è emerso che l’85% dei proprietari e gestori di edifici nel mondo confida nella gestione dell’energia per operare con successo; ben il 34% in più rispetto a due anni fa. Inoltre, circa un terzo degli interpellati ha dichiarato che crediti di imposta, incentivi e rimborsi hanno il maggiore impatto sull’aumento degli investimenti in questo campo. 

RISULTATI IN PILLOLE

A guidare l’elenco dei paesi per investimenti troviamo quelli in via di sviluppo: l’81% degli interpellati in Cina ed il 74% in India prevedono di aumentare i propri investimenti in efficienza energetica o fonti rinnovabili. Riguardo all’Europa, solo il 39% ha in progetto maggiori investimenti per i prossimi dodici mesi: il dato più basso rispetto a tutte le altre aree geografiche coinvolte nella ricerca. 
Il 96% degli interpellati in tutto il mondo ha già realizzato almeno un’azione di miglioramento dell’efficienza energetica nei propri edifici: in particolare intervenendo su illuminazione, impianti e controlli di riscaldamento e condizionamento ed efficienza idrica. La metà degli operatori nel settore privato utilizza i risparmi ottenuti con l’efficienza energetica per ridurre il budget complessivo della propria azienda, mentre il 40% li utilizza per reinvestire in ulteriori misure per l’efficienza. 
Le certificazioni “green” per gli edifici, o sistemi di valutazione dell’efficienza realizzati volontariamente, si stanno affermando: il 44% degli intervistati progetta di certificare gli edifici già esistenti, una percentuale che l’anno scorso era del 35%. Un ulteriore 43% progetta di far certificare i nuovi edifici in costruzione. 
In Europa, il 55% degli interpellati ha già almeno un edificio dotato di certificazione green: il 39% ha in progetto di ottenere la certificazione per nuovi edifici in costruzione (erano il 31% nel 2011) ed il 44% intende ottenerla per edifici già esistenti (era il 36% nel 2011). 
Lo studio infine ha evidenziato che quasi un quarto dei rispondenti pagherebbe una differenza per avere spazi in un edificio con certificazione green.