Seleziona una pagina

A Parigi il Social Housing low energy

Lo studio francese Peripheriques Architectes ha firmato il progetto Grenelle a Parigi, un condominio che al suo interno ospita 35 appartamenti in affitto, 54 unità abitative per il sociale e un asilo per 30 bambini.

UBICAZIONE NELLA PARTE OVEST DI PARIGI.
La posizione della struttura è tra Rue Frémicourt e Boulevard de Grenelle, nella zona Ovest della città.

INVOLUCRO IN LEGNO E ALLUMINIO.
Terminato nel 2013 e sviluppato su un’area di 2.800 metri quadrati, l’edificio si caratterizza per l’uso del legno e alluminio anodizzato per l’involucro, una scelta che crea un’estetica immediatamente riconoscibile. Le facciate sono state studiate (e orientate) in modo da sfruttare al meglio l’esposizione alla luce naturale, segnando inoltre l’apertura degli spazi liberi circostanti.

GIARDINO CONDOMINIALE E VIVAIO.
Altro punto forte del progetto è costituito dal giardino conominiale, con tanto di vivaio, per educare i più piccoli al rispetto della natura e insegnare loro le tecniche base dell’orticultura.

[ Fonte: www.casaeclima.com ]

Social housing: soluzione al problema casa

Il social housing è la risposta concreta al bisogno di casa e…al business.

Decollato ufficialmente l’anno scorso con il varo del grande fondo della Cassa depositi e prestiti, il social housing si conferma quale punto di riferimento per la soluzione del problema casa, che interessa una parte consistente della popolazione italiana: solo a Milano circa 30mila famiglie vivono l’emergenza abitativa.

Il Comune di Milano, nel suo Pgt, ha previsto che il 35% dei nuovi insediamenti residenziali sarà destinato all‘housing sociale, soprattutto in locazione.

Il fondo ”Abitare sociale 1” promosso dalla Fondazione Cariplo e gestito da Polaris Sgr è già attivo: moltissime le iniziative in corso nel social housing.

In occasione dell‘Eire (a Milano dal 7 al 9 giugno) la Social housing exhibition sarà una grande opportunità non solo per tutto il real estate, ma anche per i settori paralleli e complementari che possono partecipare al tema del social housing.

Ad esempio il settore dell’arredamento. Non a caso è stato lanciato il bando “Housing contest”. Con un obiettivo: costruire con 1.600 euro al mq e arredare con 250 euro al metro.

Secondo FederlegnoArredo, infatti, il vero mercato del futuro lo abbiamo in casa ed è proprio quello della sfida del costruire e dell’arredare in modo sociale e sostenibile.

[ Fonte: Mondocasablog.com ]